Lo strumento che serve a convertire gli studi universitari in anni contributivi ai fini della pensione è appena stato cambiato: a chi conviene sfruttarlo?

Partiamo dalle basi: chi ha diritto a chiedere il riscatto della laurea? Ne hanno diritto tutti coloro che si sono laureati. Si possono riscattare uno o più anni di studio fino un massimo di anni pari alla durata ufficiale del proprio percorso di studi. Non contano insomma gli eventuali anni da fuori corso: chi ha impiegato cinque anni a ottenere una laurea triennale può riscattare fino a un massimo di 3 anni.

Le regole generali del riscatto valgono per coloro che hanno come istituto di previdenza l’INPS. Molte casse di previdenza private (come ad esempio alcune casse degli ordini professionali) prevedono la possibilità di riscattare la laurea, ma a regole e condizioni particolari: informarsi quindi è molto importante per potere prendere una decisione.

Continua a leggere