Le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per:

interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali che interessino l’involucro dell’edificio, con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo, nonché
quelli finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguano almeno la qualità media di cui al decreto del Mise 26 giugno 2015,
sono oggetto di detrazione dall’imposta (pari, rispettivamente, al 70% o al 75% delle spese sostenute) in dieci quote annuali di pari importo.

I soggetti beneficiari (condòmini) possono optare per la cessione del credito corrispondente alla detrazione, in luogo della detrazione stessa spettante, verso:

i fornitori che hanno effettuato gli interventi ovvero
altri soggetti privati
con facoltà di una sola successiva cessione del credito (ai sensi dell’articolo 14 D.L. 63/2013).

Continua a leggere